Nutrizione di alimenti geneticamente modificati

Gli Stati Uniti conducono altri paesi nella crescita di alimenti geneticamente modificati. Nel 2006, il 53% delle colture coltivate negli Stati Uniti sono state geneticamente modificate, secondo il progetto Human Genome Project. Soia, mais e canola sono le colture geneticamente modificate più comuni. Con il 93% di soia e il 70% di mais coltivato negli Stati Uniti geneticamente modificati, secondo il Dipartimento dell’Agricoltura Usa, probabilmente si mangiano regolarmente cibi geneticamente modificati.

Gli alimenti geneticamente modificati ricevono geni stranieri da una pianta o da un animale. Questi geni vengono introdotti per conferire resistenza agli insetti e agli erbicidi, aumentare i valori nutrizionali, alterare il gusto e la struttura, migliorare i rendimenti e la tolleranza allo stress, ridurre il tempo di maturazione e aumentare la durata. La maggior parte degli alimenti geneticamente modificati negli Stati Uniti contengono geni che aumentano la resistenza agli erbicidi, agli insetti o entrambi, secondo l’USDA.

Alcuni alimenti geneticamente modificati sono progettati per migliorare l’alimentazione, la qualità e il gusto. Ad esempio, le patate vengono modificate per uniformare la distribuzione degli amidi, aumentare la struttura e ridurre l’assorbimento di grassi. Riso dorato geneticamente modificato ha più beta-carotene e ferro che i consumatori in popolazioni malnutrite bisogno. Ancora un altro tipo di riso geneticamente modificato ha meno glutelin, una proteina che compromette la preparazione di sake.

Nonostante i valori nutrizionali aggiunti, ci sono preoccupazioni per i cibi geneticamente modificati. L’alterazione di determinate sostanze nutritive può portare a cambiamenti inaspettati negli altri nutrienti alimentari, secondo l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite. Ad esempio, il riso dorato con più beta-carotene ha troppo di un pigmento chiamato xantofille e il riso con meno glutelin ha più della proteina prolaminica, che può essere un allergene. Alcuni agricoltori hanno espresso preoccupazioni per il crossover genetico Piante modificate alle loro colture. I venti possono colpire il polline da piante geneticamente modificate in colture biologiche, compromettendo il loro status come non modificato.

Sebbene i risultati dell’indagine mostrano che la maggior parte degli americani favorisce l’etichettatura di alimenti geneticamente modificati, questi alimenti non sono attualmente etichettati. Se si è preoccupati degli effetti di sicurezza e di ambiente degli alimenti geneticamente modificati, cercare di acquistare alimenti che sono al 100% organici. Nonostante alcune preoccupazioni degli agricoltori sull’impollinazione crossover, le probabilità sono buone che si mangia verdure non modificate.

Che cosa sono gli alimenti geneticamente modificati?

vantaggi

Preoccupazioni per la nutrizione e la sicurezza

Non vuoi gli alimenti geneticamente modificati?