Pcos e una dieta vegana

A differenza di una dieta vegetariana, una dieta vegana non include latticini o uova. Questa dieta è ideale per le persone che hanno bisogno di abbassare l’assunzione di grassi o che vogliono solo ottimizzare la loro salute. Le diete vegane si concentrano sull’assunzione di cereali, verdure e frutta, che contribuiscono a prevenire i problemi sanitari. Ciò è particolarmente importante per le donne con sindrome dell’ovaio policistico, o PCOS, che hanno aumentato i rischi di sviluppare determinate condizioni.

Le donne con sindrome dell’ovaio policistico – PCOS – hanno un aumento del livello di insulina nel sangue che provoca sintomi come la crescita dei peli facciali e possono contribuire al diabete di tipo 2. Questo può essere fatto peggiore da mangiare cibi che causano rapidi aumenti nell’insulina come carboidrati semplici e zucchero. Queste donne sono spesso chiamate ad andare a farmaci come la metformina per controllare i livelli di insulina. A parte il medicinale, tuttavia, mangiare una dieta a basso glicemia può contribuire a ridurre i livelli di insulina. È possibile essere un vegan e aderire alla dieta a basso glicemia. Una dieta a bassa GI consiste nel mangiare cibi che causano piccole modifiche ai livelli di insulina come grani interi, verdure e frutta.

Alcune donne con PCOS hanno problemi di ovulazione a causa di uno squilibrio in estrogeni e progesterone. Ciò è dovuto alla sopravvivenza degli ormoni sessuali nella ghiandola pituitaria. Le diete vegane incoraggiano il consumo di vitamine e minerali ricchi di cibi interi che possono aiutare la condizione tremendamente. Secondo la Fitness femminile, consumare cibi ricchi di ferro può abbassare l’incidenza di infertilità ovulatoria. Sebbene il ferro di heme sia trovato in carne e pesce, i vegani possono ottenere il ferro da fonti nonheme come verdure verdi, frutta, pane fortificato e prodotti a grano. Mangiare cibi contenenti vitamina C aiuta l’assorbimento del ferro.

A causa dello squilibrio che queste donne hanno in estrogeni e progesterone, spesso non mestruiscono regolarmente. Questo può essere peggiorato dal guadagno di peso che queste donne sperimentano pure. A seguito di una dieta vegana può contribuire a ridurre significativamente il peso, che nella maggior parte dei casi ripristinerà i cicli mestruali regolari. Secondo la salute delle donne, una riduzione del 10% in peso può aiutare a ridurre al minimo i sintomi come questi. Legumi, grano intero, farina d’avena e riso bruno possono aiutare nella perdita di peso a causa del loro elevato contenuto di fibre, secondo MayoClinic.com.

Secondo la Women’s Health, il 50 per cento delle donne con PCOS svilupperà il diabete di tipo 2 o il pre-diabete da 40 anni. La salute delle donne afferma che uno dei modi per prevenire questa complicazione sanitaria è quello di mangiare alimenti sani. Cibi vegani quali spinaci, broccoli, riso bruno, cereali ad alta fibra e bevande a basso contenuto di zucchero possono contribuire a ridurre questo rischio.

Controllo dell’insulina

Restauro dell’ovulazione

Regolazione delle mestruazioni

Riduzione delle complicanze future